Alla Calabria il primato della disoccupazione giovanile, Occhiuto: “Cambiamo rotta con il turismo e l’innovazione” | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Alla Calabria il primato della disoccupazione giovanile, Occhiuto: “Cambiamo rotta con il turismo e l’innovazione”

mario_occhiutoCOSENZA – “Il dato è di quelli che fanno tremare i polsi: secondo Eurostat, la Calabria detiene, per l’anno 2015, il triste primato della regione con il più alto tasso di disoccupazione tra i giovani compresi tra 15 e 24 anni”.

Lo dichiara Mario Occhiuto, candidato a sindaco di Cosenza, aggiungendo: “Questi numeri segnano il fallimento definitivo delle politiche economiche, industriali e del lavoro che sono state sinora adottate. Ciò significa che l’Europa non crea occupazione, che il Paese è fermo e che la Calabria necessita di identificare percorsi nuovi per garantire alle future generazioni una prospettiva diversa dall’emigrazione e dalla depressione.

Non bastano – prosegue Occhiuto – palliativi e mance, fra l’altro date in ritardo o neanche elargite, come nel caso dei progetti ‘Garanzia giovani’ o amenità simili concepite da nostalgici del post-Welfare keynesiano. Ora, più che mai, occorre identificare nell’innovazione il vero motore delle politiche del lavoro puntando sulle vocazioni dei territori e sulle sue comp etenze. Inseguire modelli esterni, infatti, è sinora servito solo a disimpegnare finanziamenti europei per incapacità di progettazione di interventi.

Advertisement

A Cosenza – sottolinea – abbiamo dimostrato che è possibile puntare sulla propria storia e sulle proprie vocazioni mobilitando una spesa pari a 100 milioni di euro per opere pubbliche che hanno generato un indotto significativo. Insisteremo pertanto su questa strada per fare di artigianato, turismo e sostenibilità i sentieri per creare occupazione ai nostri giovani”.

E proprio ai giovani tiene a rivolgersi Mario Occhiuto: “Gli chiedo di avere comunque fiducia nel loro territorio, di rispettare le loro passioni e inclinazioni, di provarci. Ora, proprio ora, una svolta è possibile. Partendo dalla nostra dignità e dalle nostre radici”.

Advertisement

Commenta