Cosenza, presentazione del libro “La sfida impopulista, da dove ripartire per tornare a vincere” di Paolo Gentiloni | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Cosenza, presentazione del libro “La sfida impopulista, da dove ripartire per tornare a vincere” di Paolo Gentiloni

COSENZA – “La sfida impopulista, da dove ripartire per tornare a vincere”. Martedì 4 dicembre alle ore 17:30 Paolo Gentiloni presenterà il suo libro presso il Ridotto del teatro Rendano di Cosenza. il volume, edito dalla Rizzoli, è stato pubblicato lo scorso 13 novembre.

L’ex presidente del Consiglio arriva in città su invito del consigliere regionale Mimmo Bevacqua. “Sono legato a Paolo Gentiloni da un profondo e sincero rapporto di amicizia e il fatto che abbia accettato su mia proposta d’inserire Cosenza tra le prime tappe a livello nazionale di presentazione del suo libro mi fa immensamente piacere”. Questo il commento del responsabile regionale di Zonadem. “Il presidente Gentiloni – continua Mimmo Bevacqua – in tempi di urla scomposte, di promesse mirabolanti e di quotidiane improvvisazioni, ha saputo incarnare quel profondo senso delle Istituzioni che pare sempre più raro, ma che è sempre più necessario per le buone sorti dell’Italia”.

Advertisement

Paolo Gentiloni, ministro delle Comunicazioni nel secondo governo Prodi e ministro degli Esteri nel governo Renzi, assume l’incarico di presidente del Consiglio nel dicembre del 2016 e rimane in carica fino al primo giugno del 2018. Il politico romano, tra i fondatori del Partito democratico, nelle 266 pagine del suo volume, ripercorre il periodo trascorso alla guida di palazzo Chigi. Con l’onestà intellettuale e il rigore morale che lo contraddistinguono, analizza la sconfitta subita in occasione del Referendum costituzionale prima e quella del Pd alle elezioni politiche dello scorzo 4 marzo poi. Gentiloni compie un’attenta e scrupolosa autocritica. Ma non si limita a elencare gli errori che hanno causato la devastante perdita di consenso. Con passione ed energia, elabora invece un vero e proprio “manifesto politico”, attraverso il quale ricostruire la nuova identità dei progressisti che – auspica – devono tornare a dialogare con il popolo. L’ex presidente del Consiglio confessa di essere spaventato dal dilagante populismo di matrice nazionalista e si dice convinto che, per sottrarsi al contagio, sia necessario essere saldamente impopulisti. Tutto il contrario dell’essere impopolari.

Dopo i saluti del consigliere regionale Mimmo Bevacqua, i giornalisti Annarosa Macrì e Attilio Sabato dialogheranno con Paolo Gentiloni. E gli spunti di riflessione non mancheranno.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità