Cosenza, candidato sindaco Fabio Gallo chiede verifica voto: “I conti non tornano, vogliamo sapere cosa è accaduto in 60 sezioni” | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Cosenza, candidato sindaco Fabio Gallo chiede verifica voto: “I conti non tornano, vogliamo sapere cosa è accaduto in 60 sezioni”

(askanews) – Il Movimento civico “Noi” con Fabio Gallo candidato sindaco di Cosenza hanno presentato alla Commissione elettorale e all’ufficio elettorale del Comune istanza con richiesta di verifica dell’attribuzione delle preferenze degli 82 seggi delle amministrative del 3 e 4 ottobre scorso. “Abbiamo atteso a comunicarlo – spiegano in una nota – per essere più precisi nell’articolazione della richiesta agli Organi competenti ma, già la stessa mattina di giorno 3, abbiamo comunicato e denunciato al Ministero dell’Interno e alla Prefettura di Cosenza un anomalo – a dire poco – comportamento in un seggio elettorale nel quale le disposizioni del Ministero dell’Interno sono state violate in maniera clamorosa”.

Advertisement

“Se esistono regole e leggi – proseguono – si devono rispettare e devono rispettarle tutti. Se pur molto felici per il risultato del nostro Movimento che in pochi giorni di campagna elettorale ha superato ben 13 liste di avversari politici, dobbiamo dire che i nostri conti non tornano e anche di molto. Per questo motivo, sulla scorta dei nostri pochi rappresentanti di lista, l’unico modo per conoscere cosa è accaduto in oltre 60 sezioni nelle quali non avevamo rappresentanti, è procedere alla visitazione delle schede”.

“Il Movimento NOI si fa sin da ora promotore di votazioni elettroniche che, nell’epoca della digitalizzazione, non possono tardare a manifestarsi anche per liberare la gestione dei seggi dalla disobbedienza ai dettami previsti dalla legge ed un relativo controllo del voto che in regioni ad alta densità mafiosa pongono a rischio l’intera Democrazia e la stessa tenuta dello Stato”, concludono nella nota.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità