Business competition fra giovani rumeni e italiani. Progetto Bye, dal Talent Garden al centro storico di Rende | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Business competition fra giovani rumeni e italiani. Progetto Bye, dal Talent Garden al centro storico di Rende

Rende centro storicoRENDE (COSENZA) – Il progetto Bye, Business young entrepreneurship, approda anche nel centro storico di Rende. Quindici giovani rumeni e altrettanti ragazzi italiani saranno impegnati in una sfida a chi sviluppa la migliore idea imprenditoriale.

Una business competition che userà metodi e mezzi del mondo delle start-up, in linea con lo spirito e la vocazione dello spazio di co-working “Talent garden” e di Goodwill, che ha promosso l’evento.

Domani, giovedì 21 gennaio, i ragazzi provenienti dall’antica Dacia popoleranno anche la parte vecchia della città. Il progetto è stato cofinanziato dall’Unione Europea, nell’ambito di Erasmus plus. Il Comune di Rende è partner istituzionale di Bye (Business young entrepreneurship).

Advertisement

“Una bella occasione – commenta Vincenzo Pezzi, assessore del Comune di Rende con deleghe ai Rapporti con l’Università, Politiche Giovanili, Risorse comunitarie nazionali e Regionali, Sviluppo aree industriali – per cimentarsi con una realtà diversa e sviluppare un progetto innovativo, utilizzando i linguaggi e i codici delle molte realtà, come “Talent Garden Cosenza”, che operano sul nostro territorio. Un’iniziativa importante per il nostro centro storico, luogo di sperimentazione, progettazione e cultura di impresa. Il fatto che questi giovani arrivino dalla Romania ha un significato ancora più marcato rispetto alla direzione delle politiche del Comune di Rende. Vogliamo diventare polo attrattivo di intelligenze in arrivo da paesi desiderosi di guadagnare spazio e opportunità nel quadro macroeconomico dell’Europa; per noi è un trend da seguire. Penso ai corsi di formazione a Palazzo Vercillo-Martino con ragazzi che arriveranno anche da posti lontani dai Paesi dell’Unione Europea.

In tempi di muri e chiusure, Rende vuole esportare la cultura del dialogo, dell’accoglienza e dell’innovazione. Innovazione e nuove creatività veicolate in maniera virtuosa da giovani capaci come Anna Laura Orrico, co-founder “Talent Garden Cosenza. Lavoriamo affinché questa galassia fondamentale per l’economia dell’intera area urbana trovi a Rende terreno fertile e un porto sicuro”.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità