Rende, Miceli (M5S): dalla Cuc all’Anticorruzione tante parole e troppi pochi fatti | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Rende, Miceli (M5S): dalla Cuc all’Anticorruzione tante parole e troppi pochi fatti

movimento-5-stelleRENDE (COSENZA) – Dopo due mesi è andata in scena l’ennesima seduta del consiglio comunale di Rende, una messa in scena appunto per adempiere esclusivamente ad obblighi previsti dalla legge.

Nessun confronto preliminare su temi e questioni importantissimi, dunque, continua ad essere negata a tutti i consiglieri la possibilità di esercitare al meglio le proprie funzioni che risiedono anche e soprattutto nell’espressione di un indirizzo politico.

Come Movimento 5 Stelle abbiamo espresso voto contrario tanto alla Cuc (Centrale unica di Committenza), quanto alle linee guida sull’Anticorruzione: tante parole a fronte di troppi pochi fatti concreti.
Ma soprattutto si son rivelate estremamente esigue le repliche alle nostre istanze.

Advertisement

Prima fra tutte non è arrivata la risposta sui costi che andremo a sostenere diventando Comune capofila della Centrale Unica di Committenza.
Ricordiamo che una proiezione dei costi vivi e di gestione della Cuc non è stata effettuata dall’amministrazione Manna, e se lo ha fatto, non ha
portato le carte in Consiglio o comunque non ha fornito questi dati alla città. E poi resta il nodo del sottodimensionamento degli uffici comunali
preposti, dell’aggravio di lavoro per i dipendenti comunali, della questione dei contenziosi che ricadrebbero, anch’essi, sulle spalle dell’ufficio Cuc e di quello Legale.

Diverso il discorso sulle linee guida per l’elaborazione del piano triennale dell’Anticorruzione, secondo noi fondamentale, ma servono presupposti diversi. Abbiamo ricordato a Manna che è inutile parlare di concretezza quando nei fatti le cose vanno esattamente al contrario.
Aspettiamo ancora una risposta a varie interrogazioni, e tra queste una risale addirittura al 2015. Come si fa a fidarsi di un esecutivo che non
rispetta lui per primo i tempi dettati dalle leggi? È ormai chiaro a tutti che non possiamo farlo certo sulla fiducia, come invece sembra fare buona
parte della maggioranza e della minoranza in Consiglio.

Gruppo Movimento 5 Stelle Rende

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità