Rende, al Museo del Presente l’incontro “Tossicodipendenze nei giovani. L’importanza della Prevenzione” | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Rende, al Museo del Presente l’incontro “Tossicodipendenze nei giovani. L’importanza della Prevenzione”

RENDE (COSENZA) – Venerdì 27 aprile alle ore 9 nella Sala Tokyo del Museo del Presente si terrà l’incontro dal tema “Tossicodipendenze nei giovani. L’importanza della Prevenzione” organizzato dal Lions Clubs International Distretto 108 YA-VI circoscrizione.

Notevole attenzione si pone oggi alle sostanze di abuso, per la rilevante importanza sociale, economica e sanitaria che esse rivestono a causa della loro azione psicoattiva, capacità cioè, di alterare l’attività mentale, la percezione della realtà e quindi di modificare il comportamento in modo più o meno permanente.

Infatti, l’uso di sostanze d’abuso, e quindi psicoattive, è una delle principali cause di morte e di problemi di salute tra i giovani. Occorre tuttavia precisare che le conseguenze per la salute si differenziano notevolmente in rapporto alle singole sostanze assunte, alle rispettive proprietà tossicologiche, nonchè alle circostanze e alle modalità di somministrazione.

Advertisement

Tutte le sostanze psicoattive comportano rischi a breve e lungo termine per la salute e possono provocare dipendenza. La dipendenza porta all’uso protratto di queste sostanze, con conseguenti danni fisici, psichici e sociali. Oggi alle “vecchie” dipendenze che si ripresentano con nuovi volti, si aggiungono tipologie diverse di sostanze di abuso. Molte collegate all’incognito mondo del web.

Questo convegno vuole provare ad indagare i fattori ambientali e sociali che favoriscono l’approccio e l’utilizzo delle sostanze d’abuso in un giovane per stabilirne la predittività e individuare le possibili strategie sociali e sanitarie che possano prevenirne l’uso. Da anni infatti andiamo dicendo che “prevenire è meglio che curare”. Questo detto, applicabile ad ogni ambito della salute pubblica, è soprattutto valido per le tossicodipendenze in quanto la risposta all’assunzione di una sostanza psicoattiva è strettamente individuale e, per quanto nota possa essere la sua azione, esiste un angolo oscuro inesplorabile che può compromettere per sempre la vita di un giovane. Questo concetto deve essere divulgato perchè tutti sappiano che per quanto sia possibile uscirne, nessuno può sapere al 100% in quali condizioni se ne esce. Certo, la ricerca continua. Tutti speriamo di poter disporre di terapie e mezzi che ci permettano di garantire la liberazione e la guarigione dalle tossicodipendenze, ma ad oggi un sistema nervoso danneggiato non recupera la sua attività e la vita di un giovane potrebbe essere rovinata per sempre.

IL PROGRAMMA

Commenta