Pallanuoto femminile A1: dal Giappone parlano Sotireli e Di Claudio | Cosenza Page CosenzaPage

Cosenza Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Cosenza, Rende, cosentino, Calabria

Pallanuoto femminile A1: dal Giappone parlano Sotireli e Di Claudio

pallanuoto_femminile_cosenza_luna_di_claudioLe due nuove pallanuotiste della Città di Cosenza entusiaste di giocare con la squadra del presidente Giancarlo Manna.

I primi giorni in Giappone che coincidono con i primi momenti in gruppo per Luna Di Claudio ed Eleni Sotireli. La giocatrice ex Pescara e il portiere greco hanno raggiunto il gruppo con il quale sono decollate nel Sol levante. Prime emozioni e prime parole per i due talenti voluti da Capanna e dal presidente Manna. È l’ambizione a muovere le due ragazze.

“Non ho atteso neanche un secondo -ha affermato Sotireli- perché mi hanno voluta fortemente e mi sono informata sulla mia nuova squadra. Ho visitato nei mesi scorsi la città e le ragazze mi hanno accolto in questa grande famiglia. Credo che ci siano i mezzi per far bene, le compagne sono forti e il livello è buono. Ci sono anche io adesso, e non vedo l’ora di iniziare”.

Luna Di Claudio conosce bene il Città di Cosenza. Ha affrontato più volte la squadra con le formazioni giovanili ed è amica di alcune ragazze conosciute in nazionale. In particolare di Giusy Citino. “È così, ed è un bene, perché arrivo in un gruppo in cui conosco tante atlete. Le altre mi hanno accolto benissimo -confessa la giocatrice- ma non avevo dubbi. Sono forti e hanno elementi esperti e vincenti, hanno ambizione, sono cresciute tanto e hanno mezzi per fare ottime cose. Sono questi i motivi che mi hanno spinto a muovermi e ne sono orgogliosa. Capanna e il presidente mi hanno inoltre spiegato come si vive a Cosenza questo sport e sono pronta a far parte di questa squadra. Sono certa che sarà una grande avventura”.

Ad accoglierle c’era il capitano Angela Manna con le sue compagne. “Abbiamo in rosa due giovani talenti che conosciamo. Hanno le caratteristiche qualitative e umane per far parte del gruppo. C’è lo spirito giusto e questo viaggio farà ancora di più da collante. Il resto dobbiamo metterlo in campo noi”.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità